04/12/2019 – La cerimonia di consegna delle medaglie d’oro, in un’avvocatura che cambia ed evolve i valori fondanti della professione non risentono dell’usura del tempo

Posted on : 5 Dicembre 2019
Views : 3548
Embed Code

IN UN’AVVOCATURA CHE CAMBIA ED EVOLVE I VALORI FONDANTI DELLA PROFESSIONE NON RISENTONO DELL’USURA DEL TEMPO.Si è tenuta ieri all’Auditorium “Adone zoli” la cerimonia di consegna delle medaglie d’oro per i 40 anni di esercizio della professione. Ad essere premiati 27 professionisti del foro fiorentino, con una dolorosa assenza.
A ricevere la medaglia d’oro destinata all’Avvocato Marrapese i suoi figli, nel momento più partecipato e commosso dell’intera cerimonia. Cerimonia che come ogni anno è occasione per ricordare i valori che costituiscono il nucleo identitario della professione, valori inestinguibili, da tramandare di generazione in generazione quale bene più prezioso in possesso della categoria.
I premiati hanno ricordato momenti difficili, colleghi scomparsi, le soddisfazioni guadagnate con i successi professionali, notti insonni trascorse a studiare pratiche o, ormai tanto tempo fa, trascorsi a studiare per l’esame di abilitazione. I tempi sono cambiati, e la professione si è trasformata con essi, anche dal punto di vista della parità di genere.
L’avvocatura ha subito cambiamenti profondi dunque, ma come detto, poggia ancora sulla passione per il lavoro.
La cerimonia è stata come di consueto anche occasione per la consegna del “premio Predieri”, assegnato al neo avvocato che ha ottenuto il miglior voto all’esame di abilitazione nell’anno precedente.
Ad essere premiata, anche in questo caso come consuetudine, la più giovane iscritta all’albo.